Tesla pubblica il bozzetto di una nuova compatta

di Michele Manfredi

 

La Tesla è un’azienda specializzata in produzione di automobili che prende il nome dal geniale scienziato serbo-croato Nikola Tesla; fondata dal visionario ed inarrestabile Elon Musk nel 2003, realizza, nello specifico, autovetture a guida autonoma e con motorizzazione elettrica.

Nell’annunciare i piani per un nuovo centro di ricerca e sviluppo in Cina, questo Gennaio, la società ha pubblicato anche una bozza di quella che potrebbe essere la sua prossima nuova compatta.

L’annuncio

In passato, precisamente durante l’evento organizzato per dare il via alle consegne delle autovetture Model 3 costruite nella “Gigafactory” di Shangai (la struttura che produce celle di batteria e Tesla Model 3 e Model Y), Musk aveva già accennato l’imminente arrivo su scala globale di un modello progettato dal centro cinese di design. La comunicazione vera e propria, però, è arrivata soltanto recentemente attraverso la pubblicazione del bozzetto sull’account ufficiale WeChat della Tesla, assieme all’annuncio di ricerca di designer cinesi di talento.

La nuova automobile dovrebbe approdare sul mercato – sulla base di quanto dichiarato dallo stesso Musk – entro il 2023.
Ancora non ne è stato deciso il nome, ma dall’aspetto ricorda molto una Model Y, ma con dimensioni più contenute. Le proporzioni del nuovo veicolo, infatti, sono differenti da quelle di tutti gli altri modelli attualmente in commercio: in particolare, questo bozzetto presenta una sagoma posteriore, dei passaruota e delle bandelle laterali molto diverse rispetto a quelle della Model Y, apparendo decisamente più accentuate.

Linea guida o semplice idea riciclata?

Per adesso non è ancora noto se si tratti di un’idea completamente originale o soltanto di un bozzetto preliminare – mai pubblicato – della Model Y , poi successivamente riciclato per il nuovo modello.

Ciò che è certo è che la nuova Tesla farebbe concorrenza alle auto elettriche tedesche, come la BMW i3 o la Volkswagen ID.

Non ci resta che attendere ulteriori aggiornamenti!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.