Come nasce una Tesla?

37

Il settore automobilistico colleziona, sicuramente, molti uomini tra le fila dei suoi estimatori ed appassionati; eppure, da qualche tempo, si nota anche un’evoluzione al femminile del suo pubblico.

Merito di molte iniziative creative legate all’ambiente e alla sostenibilità (dalle statistiche, pare che siano le donne a portare avanti la bandiera della questione “auto elettrica” nel mondo) ma anche di aziende che aprono uno squarcio sul futuro e si propongono in maniere realmente alternative, non solo per quanto riguarda i prodotti, ma anche nella stessa comunicazione.

Tra queste, sicuramente è impossibile non citare la Tesla, che prende il nome dall’enigmatico e geniale scienziato serbo-croato (poi trasferitosi negli USA) vissuto a cavallo tra Ottocento e Novecento, Nikola Tesla.

La società, nata nel 2003, ha accolto l’eccentrico e altrettanto geniale Elon Musk l’anno successivo, come CEO ed investitore di maggioranza. L’imprenditore, impegnato in tantissimi progetti diversi, tra cui la co-fondazione di PayPalSpace Exploration Technologies Corporation (SpaceX), ha subito fatto sentire la sua presenza fondendo le sue “propaggini” in diverse (ed anche divertenti) iniziative, che hanno affascinato davvero tutto il globo.

Ad esempio, a Febbraio 2018, lo spettacolare lancio del Falcon Heavy ha sorpreso tutti portando a bordo… proprio un’auto Tesla, la Roadster, primo modello elettrico prodotto dall’azienda, “guidata” da un manichino vestito da astronauta che è stato simpaticamente battezzato Starman, che è anche stato in grado di rimandare sulla Terra moltissime immagini live durante la traversata dello spazio.

Insomma, tutt’altro che noioso!

Quella sera moltissimi americani hanno visto comparire degli strani bagliori nel cielo e si sono allarmati; i social si sono riempiti di video e fotografie e c’era chi gridava all’invasione aliena. Non tutti, ovviamente, erano al corrente del lancio e questo ha creato ancora più attenzione intorno all’evento, che è diventato immediatamente di portata mondiale.

Dopo questa inevitabile, ampia premessa, torniamo, quindi, alle origini della nostra esplorazione del mondo Tesla Motors. Abbiamo parlato di auto tecnologicamente avanzate e, soprattutto, elettriche. Di cosa si tratta esattamente?

Tecnologia sì, ma al servizio della sostenibilità

L’impegno che Musk dedica ad i suoi progetti è ancor più ammirevole perché orientati verso una tecnologia maggiormente sostenibile e, soprattutto, easy.

Già con PayPal si è dato inizio ad una vera e propria nuova era, dove i pagamenti online sono diventati più semplici e sicuri, mentre con la SpaceX si è pensato, addirittura, di investire su razzi che potessero essere, almeno in parte, riutilizzabili. Probabilmente, la prima volta che si è sentito parlare davvero di “sostenibilità spaziale“!

Anche l’obiettivo della Tesla viaggia su questa lunghezza d’onda: dare vita ad automobili di ultima generazione, perfettamente integrate nel periodo storico che stiamo vivendo, ma contemporaneamente lontane dagli standard imposti dai carburanti fossili perché… elettriche!

Sono tantissimi i video girati all’interno della “Tesla Factory” e sono in grado di comunicare i tantissimi punti di forza  dell’azienda:

  • la guida completamente autonoma di serie (attraverso l’Autopilot, capace anche di prevedere gli incidenti);
  • la motorizzazione elettrica inserita in un progetto che riesce a prolungare l’autonomia e a velocizzare la ricarica;
  • l’automatizzazione dei processi produttivi che, però, non esclude (ma anzi, ne fa tesoro) l’importanza di un’attenta supervisione umana da parte di operatori specializzati.

Con le mire su Shanghai, poi, dove verrà costruito un distaccamento della fabbrica statunitense, è impossibile non accorgersi della potenziale, importante espansione che avrà il brand nel prossimo futuro, sdoganando i propri gioielli anche fuori dagli USA (una scelta non casuale, dato l’aumento delle vendite di auto elettriche in Cina).

Quali sorprese ci riserverà ancora l’instancabile Musk?



Uso le parole come fossero numeri e i numeri come fossero parole. Blogger, Copywriter, Editor. Tutor di Matematica e Fisica. Napulegna.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *