Cosa mangio in viaggio? I cibi utili e leggeri per viaggiatori esperti

34

Spesso si sottovaluta la questione alimentazione, quando si programma un viaggio: si ripiega su panini fatti in casa, street food e, purtroppo, anche cibo spazzatura, senza considerare che un malanno potrebbe rovinare completamente l’atmosfera di gioia che precede e alimenta un periodo di vacanze. Un’argomentazione che funziona anche per chi si ritrova a spostarsi spesso per lavoro, dovendo sempre essere al massimo delle proprie energie.

Al netto, quindi, di una scelta alimentare sana anche “in transito”, quali sono quegli alimenti che possono fungere da integratori, aiutandoci a proseguire “in corpore sano“?

Eccone qualcuno.

#1. Olio di cocco: lo sprint per il sistema immunitario

L’olio di cocco sembra quasi “acquetta”, eppure è ricco di proprietà importanti.

Innanzitutto, sotto i 20°C rimane solido, tornando in fase liquida solo se riscaldato: una contingenza da tenere presente a seconda del clima dei luoghi che si visiteranno.

Inoltre, ha proprietà antivirali, antifungine, antiossidanti, è ricco di vitamine e di minerali e riesce, quindi, a rinforzare naturalmente il sistema immunitario: i muscoli si contraggono meglio, le ossa ed il cuore si rinforzano, il fegato, i reni e la vescica si disintossicano ed è anche un ottimo rimedio contro l’alcol!

Infine, la sua grande potenza idratante gli permette di essere utilizzato anche come crema o balsamo per labbra e capelli.

#2. Zenzero: un ottimo alleato della salute

Lo zenzero è uno di quegli ingredienti che fa pensare idealmente al Natale, ma che, in realtà, è in grado di insaporire molti piatti.

Inoltre, le sue note proprietà antinfiammatorie, antidolorifiche, antiemetiche, antinfettive e antibatteriche lo rendono un grande alleato della salute, senza contare la sua azione positiva contro nausee e vertigini!

Il ginger, tra l’altro, è capace anche di andare in soccorso di cuore, intestino, stomaco e apparato circolatorio attraverso le sue proprietà antibiotiche e la cucina salutista lo utilizza per prevenire raffreddori, influenza e sintomi influenzali, inclusi tosse, dolori muscolari, mestruali e artritici.
La fluidificazione del sangue, tra l’altro, riesce anche ad influire positivamente sul metabolismo, facendolo risultare un alimento ideale nelle diete per la perdita di peso e nei contesti freddi, poiché aiuta il corpo a trattenere il calore.

#3. Semi, frutta disidratata e muesli

È incredibile quanta energia possa essere contenuta in ingredienti piccolissimi: i semi oleaginosi (nocciole, noci, mandorle, arachidi, anacard, pistacchi, di girasole, sesamo, di zucca, di lino e di canapa) sono facilissimi da trasportare, una volta tostati (ma, molti, anche al naturale) rappresentano un ottimo spuntino fugace da consumare ovunque, senza sporcarsi, e riescono ad apportare tantissimi vantaggi all’equilibrio dell’organismo.

Anche la frutta disidratata è un gustoso snack tutta salute: bisogna solo stare attenti alle varianti troppo “zuccherine”.

Infine, muesli e cereali in generale sono perfetti per assicurarsi un naturale apporto di fibre, che aiutano la digestione e il corretto funzionamento dell’intestino, senza rinunciare al gusto. Anche la frutta secca (uvetta in primis) è consigliatissima e, per chi fa escursionismo e ha bisogno di un input superiore, assolutamente sì anche a qualche sano quadratino di cioccolata, meglio se fondente!

Allora, pronti a partire?


TAG

Uso le parole come fossero numeri e i numeri come fossero parole. Blogger, Copywriter, Editor. Tutor di Matematica e Fisica. Napulegna.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *