Sostituire gli scarichi aumenta le prestazioni?

Conviene davvero sostituire gli scarichi? Scopriamo insieme i pro e i contro di questa scelta.

I sistemi di scarico sono una componente fondamentale e hanno diverse funzioni. Ad esempio, permettono di allontanare il gas di combustione e spostarlo in aree lontane dal pilota e dai passeggeri. Un’ulteriore funzione consiste nel silenziare il rombo del motore. Ecco perché gli scarichi sono elementi estremamente importanti. In questo articolo, però, cercheremo di capire se sostituire gli scarichi permette di aumentare le prestazioni.

Come si compone lo scarico

Prima di capire se conviene o meno sostituire gli scarichi, è opportuno capire cos’è nello specifico uno scarico di una moto e da cosa è composto

Gli scarichi delle moto moderne sono formati da un collettore di scarico, il quale viene prodotto solitamente in acciaio inox. Inoltre, sono composti anche un raccordo catalizzatore, che può avere al suo interno anche il catalizzatore. Nel terminale di scarico ci sono anche delle camere con pareti separate da dei tubi che permettono ai gas di effettuare un giro perturbato.  

Scarico moto: conviene cambiarlo?

Cambiare uno scarico della moto non è un’operazione semplice, per cui è assolutamente lecito chiedersi se ne valga la pena. In realtà, rispondere in modo netto a questa domanda non è possibile, in quanto ci sono sia dei pro che dei contro, che ora cercheremo di analizzare.   

Talvolta, lo scarico della moto può essere un tappo che riduce le prestazioni del motore, ma i modelli di nuova generazione vengono realizzati generalmente con scarichi di alta qualità. Infatti, grazie soprattutto alle norme antinquinamento, i produttori si stanno impegnando a rendere gli scarichi sempre più sofisticati. Ci sono però anche buone ragioni per sostituire lo scarico. Ad esempio, la sostituzione di uno scarico doppio in acciaio con uno in titanio dotato di silenziatore può portare ad un notevole risparmio di peso, aumentando la maneggevolezza della propria moto. Cambiando lo scarico inoltre sarà possibile anche ottenere un nuovo sound, soprattutto nelle moto di piccola cilindrata. 

Abbiamo visto quindi quali sono gli svantaggi e i vantaggi nel cambiare uno scarico della moto. Tuttavia, c’è da sapere che ci sono diversi modi per aumentare le prestazioni del motore, che consentono anche di risparmiare. Infatti, si può decidere di ingrandirlo oppure lo si può far girare più velocemente. In alternativa, si può anche comprimere la presa d’aria. In questo modo, si permetterà allo scarico di scorrere in modo migliore, consentendo al motore di lavorare meglio. 

Come scegliere uno scarico per moto

Dopo aver visto se conviene o meno sostituire uno scarico per la moto, è bene chiarire anche quali sono i fattori da valutare durante l’acquisto di un nuovo modello. Infatti, chi deciderà di cambiare lo scarico deve sapere che sul mercato ci sono diversi modelli, ognuno con caratteristiche specifiche. Per gli inesperti quindi può essere difficile capire su quale tipologia indirizzarsi. Ecco perché ora vedremo una serie di elementi da prendere in considerazione, a partire dai materiali. In via generale, i materiali più diffusi per gli scarichi sono l’acciaio, il titanio e la fibra di carbonio. In questi ultimi due casi però si deve rilevare un costo più alto, mentre invece un materiale a basso costo è rappresentato dall’alluminio, il quale permette anche di ottenere un peso inferiore. Parallelamente, anche l’acciaio inox è poco costoso e in più offre anche una durata nel tempo maggiore, oltre che un design di alto livello. Tuttavia, è bene specificare che per quanto riguarda i materiali, la scelta dipende anche dai propri gusti. 

Diverso è invece il discorso per la tipologia di fondello finale, il quale può essere ovale, cromato, in carbonio o a punta, e per la configurazione. Quest’ultima è estremamente importante, poiché ci sono alcuni tipi di motore che funzionano con una specifica configurazione.

I commenti sono chiusi, ma riferimenti e pingbacks sono aperti.