Escursionismo ed inclusione: nasce lo scooter 4×4 per disabili

71

Fino a qualche anno fa sarebbe stato impossibile pensare ad una gita escursionistica funzionalizzata all’accessibilità da parte dei disabili .

In moltissimi casi, anzi, l’auto-segregazione era un male che colpiva troppo spesso i portatori di handicap, rinchiusi nella loro minuscola dimensione domestica, unico luogo dove risultava più facile espletare con comodità tutte le operazioni del quotidiano, in maniera adatta e personalizzata in base alle proprie esigenze. Forme depressive anche gravi e di infinita sofferenza erano, in pratica, qualcosa con cui convivere giorno per giorno.

Fortunatamente il progresso tecnologico ci sta pian piano abituando ad un nuovo concetto di inclusione che ci allontana sempre di più da quel tipo di realtà: la disabilità, insomma, non è più un limite e lo dimostra il fatto che moltissime aziende si stiano attivando per realizzare scooter e carrozzine elettriche per anziani e disabili sempre più innovativi, in grado di dare un contributo significativo al miglioramento della qualità della vita di queste persone.

Se la domotica, infatti, si preoccupa di funzionalizzare al meglio gli ambienti domestici o d’ufficio, questo tipo di soluzioni mira a stravolgere completamente (in positivo) la vita fuori casa, consentendo di spostarsi e muoversi in completa autonomia anche in luoghi dove, fino a poco tempo fa, sarebbe stato difficile inoltrarsi.

Esempio ne sono le incredibili off-road wheelchair, un concetto di carrozzina/scooter in chiave escursionistica!

Una carrozzina 4×4

È stato uno studente di ingegneria della University of South Florida, Travis Watkins, ad ideare questo tipo di scooter elettrico 4×4, spinto da un’esigenza personale: il padre, infatti, era affetto da sclerosi laterale amiotrofica e, quando il suo professore commissionò alla classe la realizzazione di un dispositivo pensato proprio per i disabili, tutto gli sembrò quasi un segno del destino.

Il Professor Sundarrao restò entusiasta del progetto di Travis tanto che decise, insieme alla società Rehab Ideas, di commercializzarlo proprio con il nome di “off-road wheelchair”; un concept che è divenuto, poi, fonte di ispirazione per altri brand e che è stato migliorato, imitato e ripreso anche da altre aziende costruttrici.

Un successo tanto grande che questi dispositivi sono riusciti ad arrivare anche in Italia, in diverse strutture ricettive e realtà turistiche che hanno potuto offrirne i vantaggi ai visitatori disabili; il risultato? Moltissimi percorsi escursionistici aperti anche ai portatori di handicap, sia temporanei che permanenti, e sempre più vacanze prenotate con zero preoccupazioni, avendo cura soltanto di informarsi in anticipo sulla disponibilità di una strumentazione di questo tipo.

Le evoluzioni

Oggi il catalogo degli scooter elettrici 4×4 per disabili è veramente nutrito e vanta anche molte proposte italiane: è possibile, infatti, scegliere tra diversi modelli, da quelli con la trazione integrale a quelli con coperture antipioggia o che non temono nemmeno le avversità meteorologiche, arginando la presenza di sabbia, neve, fango, terreni dissestati e riuscendo a superare persino dislivelli e marciapiedi di 20 centimetri di altezza.

Un ulteriore balzo in avanti verso una società più inclusiva, anche nel settore ricreativo.



Uso le parole come fossero numeri e i numeri come fossero parole. Blogger, Copywriter, Editor. Tutor di Matematica e Fisica. Napulegna.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *