5 consigli su come preparare le polpette

40

Le polpette, uno dei secondi più graditi soprattutto nei mesi freddi. Prepararle è facile soltanto all’apprenza, in realtà è facile sbagliare la preparazione e le conseguenti brutte figure. Per evitare di sbagliare, ci sono 5 cose che devi sapere. Se sei curioso di conoscerle, continua a leggere.

  1. Occhio alla carne

La principale materia prima, come è noto, è la carne, non necessariamente bovina. Essa può essere costituita da residui dell’arrosto del giorno prima oppure dal macinato fresco. La scelta è soggettiva ma è importante scegliere carne di qualità perché altrimenti il risultato sarà un disastro. Quindi, è importante che gli avanzi siano ancora in condizioni ottimali per la buona riuscita del piatto finale.

  1. Evitare di fare la frittata

Oltre alla carne, sono necessarie le uova per dare sapore insieme al pangrattato, al parmigiano, e agli aromi (dal prezzemolo tritato alla cipolla rosolata passando per l’aglio). Per evitare di utilizzare un eccesso di uova, una buona regola consiste nell’utilizzarle ogni 3-400 grammi di carne. Se la quantità di macinato è maggiore, conviene sbatterle e versarle poco per volta nel composto, finché la composizione ottenuta sia umida ma non molle.

  1. Attenzione all’impasto

Le polpette devono avere un impasto non troppo  appiccicoso al momento di rotolarle fra le mani. Quindi, bisogna trovare un equilibrio fra gli ingredienti secchi e quelli umidi. Un modo per ottenere questo risultato consiste nel bagnare una fettina di pane integrale sbriciolata, che conferisce consistenza all’impasto senza dare un effetto appiccicoso.

  1. I tempi di cottura sono essenziali

La preparazione deve seguire dei tempi di cottura ben definiti. Altrimenti, il rischio è di ritrovarsi con delle polpette poco compatte. La cottura, dunque, deve iniziare a fiamma ben vivace. Questo significa che bisogna evitare di girarle finché sul fondo non si sarà formata una crosticina compatta, che aiuterà a tenerle compatte. Soltanto dopo averle dorate in modo uniforme arriva il momento di aggiungere, se è il caso, del pomodoro oppure altri ingredienti.

  1. Non badare alla quantità

Uno dei punti di forza del piatto consiste nel fatto che rimane buono anche il giorno dopo. Questo vuol dire che può essere preparato senza badare alle quantità avanzate. Puoi utilizzarle, quindi, per preparare tante specialità, compresi i primi piatti.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *