Costiera Amalfitana

29

“ La Costiera Amalfitana è na poesia. E’ come un sorso di limoncello: quando l’hai assaggiato, ti rimane dentro, ti scalda e soprattutto, ti lascia ‘o sapore ro’ limone in bocca!”.

Tra gli scorci più belli da visitare e le curve più piacevoli da percorrere in moto, non possono mancare la Costiera Amalfitana e la Sorrentina.

Da una parte il Golfo di Salerno che realizza la Costiera amalfitana,  dall’altra il Golfo di Napoli che plasma la Costiera Sorrentina. Costiere ricche di saporicoloribellezze storiche e naturali. Una delle strade più affascinanti del mondo; durante il percorso è possibile ammirare panorami mozzafiatoborghi stupendi ed assaporare ottime pietanze locali.
Si tratta di un viaggio molto lento, che raramente concede ai motociclisti una bella marcia alta, proprio perché tutta la Costiera è caratterizzata da curve strettissime che seguono l’aspetto della roccia a picco sul mare.

La Costiera Amalfitana prende il nome dalla città di Amalfi, antica Repubblica Marinara e centro principale della Costiera. Le caratteristiche della costa e la bellezza dei paesi hanno reso la Costiera Amalfitana Patrimonio Mondiale dell’UNESCO.

L’itinerario che propongo ha la durata di un giorno e prevede la partenza da Napoli con uscita a Vietri sul Mare per proseguire fino a Sorrento. Prima di partire vi consiglio di fare colazione a Napoli con una calda sfogliatelladell’Antico Forno F.lli Attanasio…..un bel caffè ed in sella….pronti per il tour!

Percorrete l’autostrada A3 che collega Salerno con Napoli, uscite a Vietri Sul Mare ed iniziate il vostro percorso.

Tappe del percorso:

VIETRI

Vietri è la prima città della Costiera Amalfitana, famosa per la produzione della ceramica, conosciuta in tutto il mondo. Il suo borgo è pieno di botteghe dove poter acquistare ogni tipo di ceramica dipinta a mano.Da qui parte la strada panoramica, la SS163, che tutto il mondo ci invidia, per la sua vista, per i suoi profumi, per la sua vegetazione… per la sua unicità.

Proseguendo, con una piccola deviazione potrete arrivare ad Albori, un piccolo borgo, tra i più belli d’Italia, dove potrete fare una breve sosta nella “Bruschetteria Albori” conosciuta dai motociclisti e non solo per le sue gustose bruschette farcite con una varietà di ingredienti. Qui è possibile sedersi all’aperto, gustare la propria bruschetta, bere una bibita fresca ed ammirare la propria moto mentre ci si rilassa.

Di nuovo in sella e continuate il vostro viaggio……

 CETARA

Continuando per la SS 163,  attraverserete il pittoresco borgo marinaro di Cetara con il suo porticciolo, conosciuta per la squisita “colatura d’alici”, il ricavato della fermentazione delle alici messe a marinare negli orci, ed il famoso “cuòppo”, un cartoccio contenente alici e pesce di paranza preparato e poi fritto. Ma non è ancora il momento di mangiare…..

MAIORI

Raggiungete Maiori, città affascinante, con il suo lungomare Giovanni Amendola, il suo Complesso monastico di S.Maria Olearia e la possibilità di passeggiare nel centro, lungo Corso Regina, dove curiosare tra negozi che vendono prodotti artigianali tra cui i famosi sandali in cuoio su misura.

Tra le bellezze naturali più belle da visitare ci sono la Grotta Sulfurea e la Grotta Pandora. Il tratto da Cetara a Maiori, è quello meno popolato e più bello da guidare della costiera, con la strada a picco sul mare ed un panorama mozzafiato.

RAVELLO

Con una deviazione si sale verso Ravello che offre una vista indimenticabile sul golfo. Città della musica dove ogni anno il Festival Internazionale della Musica è tra le manifestazioni più importanti. Elegante e raffinato è il borgo pedonale di Ravello, definito un gioiello della costiera. Ravello richiama i turisti per il fascino delle sue famose ville e statue. La strada centrale porta alla neogotica Villa Cimbrone, dove nel parco della villa, sulla Terrazza dell’Infinito, bellissime statue denotano lo spettacolare panorama sul Golfo di Salerno.

MINORI ED AMALFI

Rimettetevi sulla SS 163 e attraversate un simpaticissimo borgo, Minori, potrete fare una sosta per il pranzo ad Atrani, uno dei comuni più piccoli d’Italia, in uno dei ristorantini sul mare ed assaggiare qualsiasi gustosa pietanza a base di pesce. Fermatevi a prendere un po’ di sole sulla spiaggetta circostante e dopo la vostra piacevole pausa rimettetevi in sella in direzione di Amalfi.

Amalfi fu Repubblica Marinara ed oggi è travolta dai turisti provenienti da tutto il mondo. Il più celebre monumento è il Duomo in stile arabo-siciliano e dedicato al patrono Sant’Andrea. Ogni anno, il 28 gennaio si tiene la Festa della Reliquia di S. Andrea. Fermatevi nella storica Pasticceria Pansa nella Piazza del Duomo a degustare una favolosa delizia al limone accompagnata da un bicchierino di limoncello.

IL FIORDO DI FURORE

Continuando sulla ss163 impossibile non fermarsi a Furore dove si scorge un piccolo paradiso: il Fiordo. Trattasi di un’ insenatura caratterizzata da una piccola spiaggia con un mare fantastico. Il Fiordo è scavalcato dalla strada statale da un ponte sospeso, alto circa 30 metri, dal quale ogni estate si svolge una tappa dei Mondiali di Tuffo. E’ impensabile non fermarsi e godere di tale meraviglia!

POSITANO

Positano è la vera e propria perla del Mediterraneo, con le sue case arroccate una sull’altra. La vista notturna è una delle più belle del Mar Mediterraneo. Quasi tutte le case sono collegate tra loro tramite piccoli archi a formare cunicoli stretti e spesso ricoperti dalla vegetazione che interrompe il bianco dei muri. I negozietti sono molto caratteristici ed i turisti non resistono all’ attrazione delle “pezze di Positano”.

SORRENTO… E LA STRADA VERSO CASA!

Siete giunti nel vivacissimo e coloratissimo centro di Sorrento, ricco di ricamatrici e intarsiatori, pronti a testimoniare, con la loro manualità, che quella un tempo fu la principale attività. Particolare è la Bottega dei Siniscalchi, che realizza sandali artigianali. Qui potrete fermarvi a prendere un caffè prima di rimettervi in viaggio verso casa. Alle vostre spalle vi lasciate il Golfo di Salerno per godere della vista del Golfo di Napoli e del Vesuvio.

….e di nuovo in sella per imboccare l’autostrada e ritornare a casa!

Il giro della Costiera rappresenta un viaggio unico e insuperabile per tutti quei motociclisti che desiderano imbattersi in un percorso molto slow, percorrendo strade a picco sul mare, per poi incappare nei vivaci e caotici centri cittadini. Le strade della Costiera con le curve perfette, incastrate tra le rocce e mare, regalano scorci fantastici.

E’ difficile mantenere un ritmo sportivo su questa strada, per la quasi totale impossibilità di effettuare sorpassi, per le troppe curve… ma forse è proprio questo il segreto della Costiera, che così permette di godere di ogni singolo scorcio facendo vivere emozioni indimenticabili!

 




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *